Loading...

Imprese in vetrina

Testoni Vinoofficina, managerialità artigiana e prodotti di qualità la ricetta per la buona tavola

La cultura manageriale e la sapiente attenzione alla qualità dell’artigiano sono gli “ingredienti” dell’originalità e del successo di Testoni Vinoofficina. Enoteca con cucina di nuova apertura nel cuore del centro storico bolognese che, nel nome, ha scelto di celebrare, oltre alla passione per il vino, i riti e le funzioni dell’antica officina (o bottega) dove l’incontro e il dialogo erano premessa di ogni vendita e acquisto.

Non a caso, visto che fra i sette soci fondatori - come spiega Fulvio Dal Passo, chef della Vinoofficina, 53 anni, con un’approfondita conoscenza del settore enogastronomico acquisita come manager di un importante Gruppo e poi consulente - molti di noi hanno alle spalle esperienze lavorative e professionali a cavallo fra i due mondi e incarichi in CNA a livello provinciale”.
“Uniti dalla passione per la cultura del vino – prosegue Dal Passo – abbiamo deciso di aprire nel luglio scorso un luogo dove fosse confortevole e gradevole apprezzarne i profumi e gli aromi accompagnando la degustazione con piatti a base di prodotti tipici, spesso di nicchia, della cucina italiana”.

Negli oltre 200 metri quadri dell’elegante locale, i tavoli, per un totale di circa quaranta coperti, sono ben distanziati “per favorire la privacy e la conversazione”. “Non abbiamo un menù cartaceo – prosegue Dal Passo – entrando si può dare un’occhiata alla lavagna con le proposte del giorno che vengono presentate al tavolo (con la preziosa collaborazione di Ilaria e Samanta) insieme ai vini, al bicchiere, che consigliamo in abbinamento. Ogni prodotto ha dietro una storia, una geografia e una collocazione nella tradizione della cultura di origine che ci piace raccontare. Qualche minuto, affinché, con la conoscenza, il bere possa essere assaporare e il mangiare, gustare”. Cura del dettaglio e raffinatezza si esaltano nei colori del riso venere nero con zucchine e gamberetti, insaporito con olio crudo della Liguria e servito, in forma di tortino, con un vino bolla Rosé. Oppure nei tortelloni guarniti con porcini freschi tagliati a fette. O, ancora, nella bresaola di montagna alto atesina, lievemente affumicata, accompagnata con scaglie di formaggio d’alpeggio stagionato e germogli di erba medica da gustarsi insieme ad un Lagrein riserva o un Pinot nero.

A breve Testoni Vinoofficina organizzerà alcune serate a tema dedicate ciascuna a una “prelibatezza”: culatello, funghi porcini, tartufo e il salmone affumicato. “Inoltre – spiega Dal Passo – già da ora proponiamo una formula innovativa, il wine sharing, che consente, a chi ama i vini di alta qualità e di invecchiamento o gli champagne, di condividere in quattro, cinque persone il tavolo e la spesa. Quanto? Per gustare, ad esempio, uno squisito Amarone di Quintarelli del 2007 che costa 300 euro, la cena completa, che prevede straccetti di filetto di manzo affumicato, è sugli 80 euro a persona. Con 45 euro, sempre a persona, proponiamo un ottimo Champagne da gustarsi con la bresaola di tonno”.

Per la cena “canonica”, due portate e relativi calici di vino, il prezzo è di circa 35 euro a persona.

Nome: TESTONI VINOOFFICINA
Attività: Enoteca con cucina
Indirizzo: Via Testoni, 5 40124 Bologna
Telefono: +39 338 934 4387
Facebook: https://www.facebook.com/testoni5vinoofficina/